Due giorni nella piccola Vienna… Salisburgo

Seguimi sui social!:

SI SA QUANDO SI E’ VACANZA IL TEMPO VOLA… SE POI SIAMO NELLA BELLISSIMA SALISBURGO ALLORA IL TEMPO CORRE e i giorni per visitarla non bastano mai.

Il Re di Salisburgo… W..Mozart

Se sono a Salisburgo cosa vado a vedere per prima cosa??? Ovviamente da musicista, quale sono, la casa natale del grande Maestro. Dovunque ci giriamo, il suo viso, la sua musica  e i suoi cioccolatini sono in ogni angolo. Insomma tutto parla di Lui…

Ubicata nel centro, la casa natale e’ una delle principali mete turistiche sicuramente per gli appassionati di musica ma non solo.

Al suo interno, troviamo  spartiti originali, strumenti da Lui usati  come il violino, il pianoforte ed il clavicordo, documenti personali, nonché numerosi ritratti e dipinti.

La visita non dura molto, un ora circa, ma quanto basta per immergersi in una dimensione celestiale ascoltando la Sua musica  riprodotta continuamente in sottofondo.

Una piazza, un ponte, caffetterie, pasticcerie e anche la più importante accademia di musica austriaca portano il Suo nome. Tutto qui profuma aria di Mozart!

Cosa vedere a Salisburgo

Ma ora che, nel salotto di casa  Sua,  ho ascoltato un pezzettino  del Flauto Magico, (canticchiandola sottovoce), è giunto il momento di deliziare il palato con una squisita  Sachertorte, per poi visitare la Residenz, uno degli edifici più importanti ed imponenti della città, sede degli  arcivescovi di Salisburgo i quali hanno contribuito attivamente a rendere questa città stupenda.

Le numerose sale che compongono questa dimora, contengono una serie di beni preziosi, quali dipinti, stufe monumentali, statue, lampadari di cristallo, arazzi e affreschi. Il Salone dei Carabinieri  con i suoi 600 mq di ampiezza, oggi  è sede dei più importanti concerti e dove Mozart suonò il suo primo concerto.

Ma dalla Residenz di Salisburgo ci spostiamo al Castello di Mirabell un altro edificio maestoso che, a suo tempo il principe-arcivescovo Wolf Dietrich fece costruire per la sua amante Salome Alt ma che ora è la sede del consiglio comunale e del sindaco.

Eretto in stile barocco, ma poi distrutto da un incendio, oggi rimangono solo alcune opere d’arte al suo interno come lo Scalone d’onore, la sala dei marmi o la magnifica Marmorsaal, un ex sala da ballo la più bella al mondo dove oggi si celebrano matrimoni e concerti. Ma ciò che rende tutto il palazzo così affascinante sono i suoi giardini alla francese, tutti curatissimi, dove troviamo viali alberati, e alte siepi che, una volta, venivano usate da quinte per gli spettacoli. Passeggiando in questo splendido giardino incantato è impossibile non notare la varie fontane decorate da sculture e il giardino dei nani.

              

Tra stupenda musica, buon cibo, e sculture barocche in ogni angolo, il weekend è finito! Le lancette correvano veloci e ci rimangono molte altre cose da vedere… quindi mi riprometto  di ritornare, il prima possibile, in questa piccola Vienna.

Se ti è piaciuto l’articolo metti un like, lascia un commento o condividilo sui social!

Seguimi sui social!:

You may also like...

Popular Articles...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *