Cosa fare la notte di San Lorenzo

Seguimi sui social!:

 

Agosto il mese del caldo, di ferie ma, per me,  anche di stelle cadenti. Eh già il 10 agosto, notte di San Lorenzo, è considerata la notte magica, la notte romantica, la notte dei desideri. La lunga notte da trascorrere con il naso all’insù insieme alla persona amata, magari sdraiati su un plaid, a chiacchierare, guardando l’infinito nella speranza di vedere quel lampo di scia correre e pronti, come i bambini, ad esprimere un desiderio.
Io che ho l’entusiasmo incontrollato di una bambina, aspetto sempre con ansia questa notte…sperando di vedere la fatidica scia luminosa, chiudere gli occhi ed esprimere un desiderio !
Vi suggerisco qualche posticino dove ammirare il firmamento.
In realtà potete osservare le Perseidi da qualsiasi luogo, ma ricordatevi che è meglio se vi allontanate dal traffico cittadino in modo che non ci sia inquinamento luminoso..

Cosa fare

Se siete amanti del vino, a Buttrio (Udine) potete partecipare a vari assaggi di vini… insomma un gustoso cin-cin sotto le stelle cadenti! Direi che vino e stelle sono un connubio perfetto!
Se preferite la tranquillità, potete optare per una cenetta romantica al castello di Socerb . La cena in un castello è già di per se romantica, se poi finita la cena, distendiamo un plaid su uno dei prati lì attorno, direi che lo spettacolo è assicurato, e vi sentirete proprio delle principesse!

Potevo tralasciare la spiaggia? Ovviamente no!…. Chi non ha mai sognato di passare la notte in spiaggia osservando le stelle cadenti ascoltando il suono del mare? Behh io l’ho sognato e da “giovane” 🤣 l’ho fatto! Noi eravamo una compagnia di amici e compagni di scuola e devo dire che è stata una notte magica… si chiacchierava, si rideva e si scherzava tra la luce soffusa delle candele appoggiate sulla sabbia, osservando l’incredibile meraviglia della volta celeste e come sottofondo  il suono del mare… meraviglia delle meraviglie!!! Ehh già sono una romanticona… Non lo sapevate??
Se siete più avventurosi potete provare l’ebbrezza di campeggiare in riva all’Isonzo  sul Carso o sul Lago di Bohinj. Sicuramente è un esperienza, indimenticabile e particolare, ma, dovrete stare molto attenti alle norme sul campeggio e agli animali selvatici che avrete la “fortuna” di incontrare durante questa lunga notte.

Come fotografare le Perseidi

Se avete la  passione della fotografia potete immortalare la volta celeste e fotografare le Perseidi con tanto di scia luminosa. Procuratevi un cavalletto e una reflex. Intanto vi dico subito che non servono teleobiettivi o chissà che costosa attrezzatura. Se avete un grand’angolo meglio, altrimenti vi basta un obiettivo 18-55mm che solitamente vi danno con l’acquisto della macchina fotografica.
1. L’esposizione (il tempo che l’otturatore rimane aperto) dovrà essere al massimo su 15/25 secondi, non mettete di più altrimenti rischiate di vedere il movimento della volta celeste…il che non sarebbe male ma otterrete un altro effetto. Meglio se siete dotati di telecomando, per lo scatto remoto ma in mancanza di questo, potete optare per l’autoscatto. Eviterete così che le fotografie risultino mosse.
2. La messa a fuoco sarà manuale o messa su infinito
3. La sensibilità iso dovrà strare tra gli 800 e 1600. Ricordatevi che se alzate di più, rischiate di aumentare il “rumore” delle foto.
4. il diaframma dovrà essere totalmente aperto.
Credetemi a spiegarlo, sembra complicato ma non lo è poi così tanto. Mi auguro di avervi dato qualche piccolo suggerimento per questa magica notte, sperando che abbiate visto tante stelle cadenti e che tutti i vostri desideri si realizzino.

ahh si se avete piacere nei commenti potete scrivere cosa avete in programma di fare o quello che avete fatto…! Incrociamo le dita e… Buone Perseidi a tutti!!


Seguimi sui social!:

You may also like...

Popular Articles...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *